L’arte dell’opera interiore, che non si separa dall’artista come quella esteriore, quella che egli non può fare ma soltanto essere,
scaturisce da profondità che il giorno non conosce.